MARCHETELLING

Meraviglie & Miti Marchigiani raccontati da Cesare Catà per Fondazione Marche Cultura

Raccontare le Marche attingendo ai suoi maestri letterari, alle sue tradizioni folkloriche, ai suoi paesaggi, ai suoi miti e leggende significa dischiudere uno scrigno narrativo inestimabile, rimasto a lungo serrato”. È questo l’obiettivo della nuova rubrica culturale di Fondazione Marche Cultura curata da Cesare Catà, filosofo e performer teatrale, autore di saggi di filosofia e letteratura nonché grande conoscitore di antichi miti e fiabe folkloriche. Guidato dall’estro che lo caratterizza, l’autore ha creato un affascinante percorso di 11 puntate dedicate a storie segrete e misteriose che hanno avuto come teatro le Marche e/o alcuni dei suoi più illustri cittadini.

Prendendo le mosse da fatti oscuri e ammalianti avvenuti nella nostra terra, i video raccontano da un punto di vista innovativo personalità e luoghi eminenti della Regione attraverso un dialogo immaginario con un interlocutore al pub.
Davanti ad una pinta, la narrazione affabulatoria di Cesare Catà ci fa immergere in un mondo fantastico e magico che stimola la fantasia e la creatività mediante una potente forma di comunicazione che unisce intrattenimento, insegnamento e connessione con la storia e la cultura marchigiana.Preservarne e trasmetterne la ricchezza è l’intento che muove il progetto MARCHETELLING che vuole anche offrire al pubblico una pausa dalla realtà quotidiana aprendo spunti su alcune vicende irrisolte, fitte di mistero e di malia.

Ogni venerdì, l’interprete e geniale autore, che sa catturare ed appassionare il pubblico come pochi, racconta come “l’anima delle Marche e la sua cultura si riverberano in antiche storie, mai smarrite, in grado di comunicare al mondo la meraviglia unica e inestimabile di questa terra”.

La cultura marchigiana, storicamente, è a lungo stata restia nel raccontare le proprie ricchezze e i propri beni artistici, paesaggistici, umani e architettonici – afferma il filosofo Cesare Catà -; forse riflesso dello spirito schivo e guardingo di questo popolo che ha sempre preferito vivere discosto dal mondo, da un lato quest’attitudine ha forse preservato, nelle Marche, un’autenticità antropologica e civile perdutasi altrove. Dall’altro lato, però, questo “deficit di storytelling”, tratto tipico dei Marchigiani, ha anche celato all’esterno la bellezza di questo luogo”.

È dunque giunto il momento di svelarla attraverso lo sguardo profondo, ironico, coinvolgente e dirompente di Cesare Catà, un artista marchigiano a tutto tondo. Per la Fondazione Marche Cultura è motivo di orgoglio avviare questa collaborazione con un fuoriclasse dello storytelling, un intellettuale che ha saputo tracciare una strada ed uno stile che sono solo suoi. Coniugando ironia e profondità, Cesara Catà è capace di volare altissimo restando popolare, esplora luoghi e personaggi, riuscendo ogni volta a dare un taglio originale ed affascinante. Anche con questo progetto, in cui racconta la nostra terra, saprà incantare.


Chi è Cesare Catà

BIOGRAFIA DI CESARE CATÀ

Filosofo e performer teatrale, è autore di vari saggi di filosofia e letteratura, di traduzioni, di testi drammatici, e del libro di racconti “Efemeridi. Storie, amori e ossessioni di 27 grandi scrittori”. Si esibisce regolarmente con monologhi e lezioni-spettacolo sia in teatro che in luoghi inusuali come pub, boschi, ristoranti e spiagge.

È un monologhista-storyteller che intreccia il teatro di narrazione con la divulgazione filosofico-letteraria e l’ironia del cabaret. Studioso e appassionato specialista di Shakespeare, nel 2015 ha dato vita a “Magical Afternoon”, un format di lezioni-spettacolo con cui ha presentato oltre 300 date dal vivo negli ultimi tre anni.

Dopo il Liceo Classico e l’Università, periodo nel quale si è formato anche nel Laboratorio di letteratura diretto da Antonio Santori e nei corsi di teatro del gruppo “La Camera Chiara” di Fermo, ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Filosofia del Rinascimento presso l’Università di Macerata. Durante gli anni del dottorato, ha svolto un periodo di ricerca e insegnamento come visiting scholar nella Facoltà di Filosofia della University of Hawaii di Honolulu, dove ha approfondito lo studio della filosofia e della letteratura comparate; e come Gastforscher presso il Cusanus-Institut della Facoltà teologica di Trier, in Germania, dedicandosi allo studio di testi platonici medievali e rinascimentali. Sempre in questi anni, si è diplomato alla Scuola di Filosofia Orientale e Comparativa di Rimini, con una ricerca sul Buddhismo Zen nella letteratura statunitense. Dopo il Dottorato, ha svolto un periodo di ricerca presso l’EPHE di Parigi, in Francia, con un progetto incentrato sull’Arte rinascimentale e l’Estetica filosofica del Neoplatonismo.

Ha trascorso vari periodi, a partire dalla fine degli anni ‘90, nell’Isola d’Irlanda, (sua seconda patria, dopo le Marche) dove si è dedicato allo studio della lingua e della letteratura anglo-irlandese collaborando, successivamente, con l’Istituto Italiano di Cultura di Dublino e con lo Yeats Center di Sligo. Oggi, in Irlanda (e in altri luoghi peculiari d’Europa), cura dei percorsi di viaggi letterari per turisti italiani. Ha tenuto corsi universitari, come Professore a contratto, presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione e presso il Seminario LUCI dell’Università Macerata, su temi legati al rapporto tra letteratura e comunicazione contemporanea. Attualmente tiene corsi di formazione aziendale, specialmente sui temi dello storytelling e del public speaking, e percorsi didattici per gli alunni delle scuole elementari. Tiene una rubrica letteraria su Huffington Post Italia e collabora come traduttore con varie case editrici, tra cui la Liberilibri di Macerata e Il Melangolo di Genova.Vive per lo più a Porto San Giorgio, sua amata città sulla riva dell’Adriatico marchigiano.

Prima puntata – I Mazzamurelli: i folletti marchigiani
Seconda puntata – Le fate dai piedi di capra dei Monti Sibillini
Terza puntata – Il libro segreto che i nazisti cercarono a Jesi
Quarta puntata –  I mistici misteri di Santa Croce al Chienti

Progetti:


MARCHETELLING

“Raccontare le Marche attingendo ai suoi maestri letterari, alle sue tradizioni folkloriche, ai suoi paesaggi, ai suoi miti e leggende significa dischiudere uno scrigno narrativo inestimabile, rimasto a lungo serrato”. È questo l’obiettivo della nuova rubrica culturale di Fondazione Marche Cultura curata da Cesare Catà, filosofo e performer teatrale, autore di saggi di filosofia e […]

L’angolo dei libri

“Vogliamo cambiare il nostro mondo? L’unica soluzione è la lettura!” questo è l’invito di Valeria Scatasta che trovate sui social con un nickname unico che rappresenta l’anagramma del suo nome lavettasacrasia.book! Valeria ha 12 anni ed è una divoratrice di libri e per questo ha deciso di aprire, due anni fa, i suoi canali social […]

Comunicazione digitale dei Borghi più belli delle Marche

“I Borghi più belli d’Italia nelle Marche” è l’associazione che raccoglie i borghi marchigiani certificati per la loro bellezza ed eccellenza dal network nazionale dei Borghi più belli d’Italia. La collaborazione tra la Fondazione Marche Cultura e la rete regionale dei borghi è iniziata a giugno 2022 con l’obiettivo di valorizzazione questi piccoli centri e […]

La Regione Marche alla XXXV edizione del Salone del Libro di Torino

In occasione della XXXV edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino (18-22 maggio 2023), la Regione Marche ha presentato un ricco calendario di appuntamenti che hanno animato lo spazio regionale: 29 case editrici marchigiane, 27 enti e associazioni del settore, 102 presentazioni, 65 libri proposti al grande pubblico del Salone, 40 promozioni di festival, mostre, premi e progetti editoriali.

Scrivici:






    * Campi Obbligatori