23.07.2023

Cavalcata dell’Assunta 2023: presentato il programma della rievocazione storica più antica d’Italia

Ogni anno a Fermo, la sera della vigilia della Festa dell’Assunzione di Maria, si rievoca la Cavalcata dell’Assunta. Si tratta della rievocazione storica più antica d’Italia e riproduce corteo, celebrazioni religiose e tornei legati, fin dal 1182, alle festività patronali della Madonna Assunta.

Si è svolta sabato 22 luglio 2023 la conferenza stampa di presentazione del programma della Cavalcata dell’Assunta 2023 nella Sala del Consiglio Comunale. 

“La Cavalcata è aggregazione, è storia e passione – afferma il Sindaco Paolo Calcinaro, che interviene a nome dell’amministrazione comunale. La Cavalcata è la spina dorsale dell’estate fermana e anche quest’anno ci faremo conoscere a livello nazionale con la replica della corsa su RAI 3 nazionale.”

La storia della Cavalcata dell’Assunta

Fonti storiche riportano della “Cavalcata dell’Assunta” in Fermo sin dal 998 d.C., una volta l’anno, il 15 di agosto ma è a partire dal 1982 che ogni Ferragosto si corre in edizione moderna: una corsa di cavalli al galoppo lungo la via del mare nella quale le dieci Contrade si contendono la conquista del Palio dell’Assunta, in onore della patrona della città, Santa Maria Assunta a cui era dedicata la Cattedrale di Santa Maria in Castello e la  processione religiosa, che dalla Chiesa di Santa Lucia saliva alla Cattedrale.

È proprio a questa processione che fu data poi il nome di “Cavalcata”, alla quale prendevano parte le magistrature della città, i notabili con la loro corte, le rappresentanze di arti e mestieri e le delegazioni degli ottanta castelli soggetti all’antico Stato che offrivano anche il loro palio con una valenza politica e religiosa. Tutti portavano offerte in denaro e in natura e chiudevano il corteo i vicari dei castelli, in sella ai loro cavalli.

“Quello che facciamo è ‘rievocare’, ovvero intraprendere una narrazione storica della corsa al palio – afferma Andrea Monteriù, vicepresidente della Cavalcata che ricorda le radici profonde della Cavalcata. Sono molto felice di tenere questa conferenza nella Sala del Consiglio perché simboleggia la vita cittadina, esattamente come la Cavalcata”.

“La Cavalcata ha un valore sociale che non va mai tralasciato – dichiara Roberto Montelpare, altro vicepresidente della manifestazione – tutti i componenti lavorano insieme: le contrade, i collaboratori della cernita, dalla sartoria agli sbandieratori e tamburini”. 

Le contrade storiche e la Corsa al Palio

Il territorio fermano è composto da dieci Contrade che ogni anno, nel giorno di Ferragosto, si contendono il Palio dell’Assunta, la tradizionale corsa di cavalli, preceduta dal Corteo Storico in costume del XV secolo lungo le vie cittadine.

La Contrada vincitrice dell’ultima edizione del Palio sfila per prima; quella che era ultima l’anno precedente, sfila per seconda. Le altre scalano all’indietro di uno o due posti. La Corsa del Palio si articola in due batterie con cinque cavalli ciascuna e la finale tra i primi due cavalli classificati di ogni batteria, più il vincente del sorteggio tra i terzi classificati. Il percorso, lungo 850 metri circa, è tutto in salita con partenza da Largo Ostilio Ricci, via Trevisani, viale XX Settembre, il “curvone” e l’arrivo in Viale Vittorio Veneto.

Le novità della Cavalcata dell’Assunta 2023

Il regista Adolfo Leoni entra nel vivo del programma della Cavalcata dell’Assunta 2023 e illustra i quattro pilastri su cui si regge la Cavalcata: lo spettacolo-teatro, il racconto storico, la festa e la pluralità e la forte attrazione turistica che una manifestazione di questo tipo rappresenta.

Lo spettacolo inaugurale e l’arrivo del Palio Piazza del Popolo sarà il primo grande evento della Cavalcata di quest’anno e si terrà il 28 luglio. Per l’arrivo del Palio dell’Assunta, portato dalla delegazione di Monterubbiano, gli alfieri e i musici racconteranno l’arrivo di Bianca Maria Visconti, ricreando l’atmosfera voluta da Francesco Sforza per accogliere in città la sua promessa sposa. Inizia così la rievocazione storica più antica d’Italia, come testimonia un documento risalente al 998 in cui si menziona per la prima volta il culto della Vergine Maria a Fermo.

In occasione di questo evento, interverranno a Fermo anche due delegazioni, quella di Francavilla d’Ete e quella di Petritoli (frazione Moregnano) che porteranno gli stendardini originali del 1752 che a quel tempo venivano portati a Fermo. La delegazione più importante sarà quella di Monterubbiano che porterà il Palio dell’Assunta, fatto da un pittore non ancora rivelato, che verrà svelato il 28 luglio. Il palio verrà poi assegnato al vincitore della corsa.

La sceneggiatura sarà molto particolare: ci sarà un movimento di fiaccole portate da 60 persone che invaderanno l’intera piazza del Popolo di Fermo che torna ad essere il teatro all’aperto, proprio come era stato pensato nel 1442 da Alessandro Sforza quando ricevette sua cognata Bianca Maria Visconti.

Gli altri due eventi più importanti del Palio saranno:

  • il corteo processionale composto da 1400 persone che si terrà nella notte del 14 agosto in cui di solito si registrano tradizionalmente dalle 8 mila alle 12 mila presenze;
  • la corsa di cavalli che si terrà nel pomeriggio del 15 agosto che solitamente registra dai 6 mila agli 8 mila spettatori.

L’importanza delle rievocazioni storiche nelle Marche

A rappresentanza della Regione Marche hanno partecipato alla conferenza stampa di apertura i consiglieri regionali Jessica Marcozzi e Marco Marinangeli. Entrambi hanno riconosciuto il valore di questo evento che dà lustro a tutta le Regione. “Un turismo di qualità che merita di oltrepassare i confini nazionali” dice Marcozzi. “I turisti vengono nelle Marche anche perché fortemente attratti dalle rievocazioni storiche – aggiunge Marinangeli – Il merito del successo della Cavalcata non è solo dell’attenzione e della determinazione dell’amministrazione comunale, ma anche e soprattutto di coloro che vivono il territorio con passione e che vogliono tramandare le tradizioni alle nuove generazioni”. Ha assicurato il sostegno alla Cavalcata anche il consigliere Andrea Putzu.

L’avvocato Andrea Agostini, Presidente di Marche Cultura, si sofferma sull’“identità”, che individua come parola chiave della conferenza. Agostini crede che per rafforzare l’idea di rievocazione si debba ricorrere agli elementi audiovisivi. La Marche Film Commission, parte di Marche Cultura, ha messo a disposizione dei fondi destinati alla realizzazione di cortometraggi che potranno essere destinati anche all’estero, nella speranza di aumentare l’incoming. Su questa idea si basa la collaborazione di Marche Cultura con la Cavalcata.

Programma Cavalcata dell’Assunta 2023

Venerdì 28 Luglio

Ore 21.30 – Piazza del Popolo
Spettacolo inaugurale e arrivo del Palio
Apertura 42° edizione Cavalcata dell’Assunta: serata evento con spettacolo del gruppo Alfieri e Musici e arrivo del Palio

Martedì 1 Agosto

Ore 21:30 – Piazza del Popolo
XIII Trofeo “Gallo d’Oro”
Gara tra tamburini delle Contrade

Mercoledì 2 Agosto

Ore 21:30 – Piazza del Popolo
II Trofeo “Bandiere al Vento”
Gara tra sbandieratori delle Contrade

Venerdì 4 Agosto

Ore 20 – Piazzale Lattanzi Torre di Palme
Il racconto della Cavalcata
Ore 21:30 – Castello di Torre di Palme
Lettura del Bando

Da Domenica 6 a mercoledì 9 Agosto

Dalle ore 19 – Piazza del Popolo
Hostarie delle Contrade
Degustazione di piatti tipici e animazione medievale

Lunedì 7 Agosto

Ore 21:30 – Girfalco
XXVIII Tiro per l’Astore
Gara di tiro con l’arco tra Contrade

Martedì 8 Agosto

Ore 21.30 – Girfalco
XXXVI Tiro al Canapo
Gara di tiro alla fune tra Contrade

Sabato 12 Agosto

Ore 21:30 – Piazza del Popolo
Tratta dei Barberi
Sorteggio per l’abbinamento dei cavalli al Palio delle Contrade

Lunedì 14 Agosto

Ore 20:45 – Dalla Chiesa di Santa Lucia alla Cattedrale
CORTEO STORICO IN NOTTURNA E LITURGIA DELLA PAROLA
Ore 22:00 – Piazza del Popolo
Estrazione delle batterie

Martedì 15 Agosto

Ore 10:30 – Sagrato della Cattedrale
Benedizione e consegna della giubba ai fantini
Ore 11:30 – Cattedrale Metropolitana
Solenne pontificale presieduto da S.E. Rocco Pennacchio, Arcivescovo di Fermo

Ore 15 – Da Piazza del Popolo a Viale Vittorio Veneto
Corteo storico al campo di gara
Ore 17 – Viale XX Settembre e Viale Vittorio Veneto CORSA AL PALIO
Ore 21:30 – Piazza del Popolo
Festa della Vittoria
Ore 24:00 – Piazza del Popolo
Estrazione della sottoscrizione a premi

FMC Fondazione Marche Cultura

Ultime News:


20.06.2024

Popsophia apre l’estate all’Anfiteatro romano di Ancona con Ankoneide

Nasce Ankoneide: la rassegna di produzioni inedite pensate appositamente per la città dorica. Due nuovi appuntamenti ideati intorno alla data simbolica del solstizio d’estate. Due serate, il 21 e 22 giugno per dare avvio alla stagione nel suggestivo Anfiteatro romano che riapre dopo anni di chiusura. Un’attesa doppia questo weekend: sia per poter tornare a passeggiare […]

Marina Abramović a Pesaro2024: prorogata la mostra “The Life”

Si è tenuto il 18 giugno l’evento speciale che ha visto la presenza eccezionale di Marina Abramović al Teatro Rossini di Pesaro. L’artista e Todd Eckert, regista e fondatore di Tin Drum, hanno esplorato la genesi e lo sviluppo di The Life nel corso di una conversazione aperta al pubblico e introdotta da Marcello Smarrelli, direttore artistico di Pesaro Musei. Nel corso dell’evento […]

Olivo Barbieri per Pesaro 2024

Fino al 15 settembre i Musei Civici di Palazzo Mosca accolgono la mostra ‘SPAZI A TEMPO’ di Olivo Barbieri (Carpi, 1954), a cura di Alessandro Dandini de Sylva. Promossa dal Comune di Pesaro, organizzata dalla Fondazione Pescheria Centro Arti Visive in collaborazione con Pesaro Musei e prodotta da Istmo, special partner RivieraBanca – Credito Cooperativo, ‘SPAZI A TEMPO’ è uno dei progetti di Pesaro 2024 che prende […]

Pesaro2024 alla scoperta di Monte Cerignone

Dal 17 al 23 giugno è Monte Cerignone la ‘Capitale al quadrato’ del progetto ‘50×50’ dedicato alle eccellenze della provincia. Titolo del programma: ‘Rivelazioni culturali: Monte Cerignone, Tesoro della Natura’. In perfetta sintonia con i valori di Pesaro 2024, il programma – dal titolo ‘Rivelazioni Culturali: Monte Cerignone, Tesoro della Natura – vuole far conoscere […]

Scrivici:






    * Campi Obbligatori